Condividiamo di seguito quattro rimedi casalinghi per impedire alle tue piante d’appartamento di…

Di seguito condividiamo quattro rimedi casalinghi per evitare che le tue piante da interno diventino pallide e gialle e , a loro volta, recuperino il colore verde intenso che le caratterizza.

Vari fattori possono influenzare l’integrità delle nostre piante da interno. A volte può essere la mancanza di luce, così come la mancanza o l’eccesso di annaffiature, anche se non sempre è colpa nostra, visto che ci sono momenti in cui questi fattori sono fuori dalla nostra portata.

Proprio come accade con la qualità dell’acqua stessa. Ad esempio, se viviamo in  una zona con acqua dura , come è comune in CDMX e in altre parti della repubblica, l’acqua con cui irrighiamo avrà una concentrazione significativa di calce in soluzione.

piante gialle come risolvere il problema

Quest’acqua ricca di calcare tende ad alzare il pH (abbassare l’acidità) del terreno irrigato, il che è dannoso per le piante d’appartamento, che richiedono grandi quantità di ferro per sfoggiare il loro verde intenso. Infatti, meno l’acqua è acida, più calcio conterrà.

E infatti è abbastanza comune che l’acqua del rubinetto contenga calcare , in quanto serve per correggerne l’acidità ed evitare così alcuni problemi come la corrosione di elettrodomestici industriali o domestici, ma come evitarlo? Con i seguenti rimedi casalinghi con i quali puoi modificare un po’ il pH dell’acqua e quindi evitare che le tue piante ingialliscano.

1. Lascia riposare l’acqua per 48 ore

Il primo è forse il meno efficace ma il meno rischioso quando si tratta di modificare l’equilibrio fisico e chimico dell’acqua. Consiste nel far riposare l’acqua in una pentola capiente o in un secchio per eliminare il calcio. Più a lungo lo lasciamo, meno calcio solubile ci sarà.

rimedi casalinghi per evitare che le piante ingialliscano

Alla fine, dovresti evitare di mescolare l’acqua o agitarla, altrimenti tutto il calcio che rimane sul fondo verrà rimescolato con il resto dell’acqua, quindi è meglio svuotarlo accuratamente in un altro secchio con l’aiuto di un mestolo cucina.

2. Acidificare l’acqua con aceto o limone

Versando un cucchiaio di aceto o il succo di un limone per ogni litro d’acqua, mescolandolo e poi lasciandolo riposare per un paio d’ore, siamo riusciti a cambiare in meglio la composizione. Quest’acqua sarà l’ideale per annaffiare le tue piante e per evitare che ingialliscano.

3. Usa i fondi di caffè come fertilizzante

I fondi o residui di caffè, che hanno usi diversi , sono piuttosto acidi e ricchi di sostanze nutritive per le piante. Usati come strato di fertilizzante , anche se ci mettono un po’ a dare risultati, acidificano il terreno e impediscono così alle tue piante di ingiallire.

fondi di caffè residui di caffè rimedi casalinghi

4. Crea il tuo fertilizzante con il ferro 

L’opzione meno pratica ma forse più efficace è quella di creare il proprio fertilizzante liquido ad alto contenuto di ferro. Vi serviranno solo viti di ferro o pezzettini che vi avanzano e un cucchiaino di zolfo che si usa nei giardini per uccidere i funghi, e poi depositate entrambi in una bottiglia d’acqua di plastica vuota con un po’ di acqua distillata.

Quindi attendi una settimana affinché la formula si concentri e il gioco è fatto. Puoi spruzzarlo con un irrigatore sul terreno delle tue piante per modificare la composizione chimica dell’acqua di irrigazione.

Non sai di quali fertilizzanti hanno bisogno le tue piante? Conosci i diversi tipi di esistono e a cosa serve ciascuno facendo clic qui .