Comunemente chiamato spathiphyllum, il giglio della pace è una delle piante più facili da coltivare. Originario delle foreste pluviali del Sud America, il giglio della pace cresce anche in alcune zone tropicali e fiorisce perfettamente all’interno, a condizione che tu lo prenda bene. Ecco il trucco che permetterà alle nuove foglie di crescere.

La maggior parte delle piante per vivere ha bisogno di acqua e luce e il giglio della pace non fa eccezione a questa regola. Tuttavia, sebbene sia considerata una pianta facile da coltivare, la sua manutenzione richiede particolari attenzioni affinché possa fiorire nelle migliori condizioni possibili. In questo articolo vi diamo il trucco per stimolarne la fioritura.

Come mantenere il giglio della pace?

giglio della pace

Non è un segreto che le piante crescano più velocemente quando sono ben curate. È il caso del giglio della pace, che può crescere molto velocemente e raggiungere circa 1 metro di altezza. All’interno, esposto alla luce o all’ombra, lo spathiphyllum si adatta e prospera, qualunque sia la stagione. Tuttavia, la regolazione dell’ombra e della luce aiuterà a preservare le sue foglie dall’asciugarsi, favorendone la crescita. Inoltre, è tra maggio e ottobre che la sua fioritura è più abbondante. Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a mantenerlo.

Leggi anche: Giglio della pace: non sbagliare, ecco il luogo ideale per farlo fiorire nella tua casa

Rinvasare ogni anno

È importante rinvasare il tuo spathiphyllum ogni anno e più precisamente in primavera, prima che maturi. Una volta adulta, è sufficiente effettuare un’affioramento sostituendo lo strato superiore di terra per più o meno 4 cm. In primavera, l’aggiunta mensile di fertilizzanti speciali per piante verdi sarà un vantaggio. Puoi anche aggiungere del drenaggio sul fondo del vaso durante il rinvaso. Questo assorbirà l’acqua in eccesso dall’irrigazione.

Osserva il fogliame

Come altre piante dei tropici, il giglio della pace ama l’umidità. In assenza prolungata di annaffiature può quindi accadere che appassisca. In questo caso è sufficiente annaffiarla in modo che la sua chioma si riprenda naturalmente. Tuttavia, se manca l’acqua per diverse settimane, la pianta può appassire e seccare. In questo caso, sarebbe saggio porre il suo vaso in un contenitore pieno d’acqua per diverse ore in modo che riprenda vita. E come ogni buon giardiniere ti consiglierà, le foglie morte dovrebbero essere rimosse regolarmente.

Spruzza il fogliame

Quando il suo fogliame è secco, la pianta può attirare insetti e altri parassiti, come gli acari. In questo caso, non esitate a spruzzarlo regolarmente con acqua e spolverarlo. Ciò contribuirà ad aumentare il livello di umidità.

Innaffia regolarmente

Questa pianta tropicale fiorirà rapidamente e bene se ti ricordi di drenare bene il terreno. Il terreno dovrebbe rimanere fresco. Si consiglia quindi di annaffiarla tutti i giorni in estate e una volta alla settimana in inverno. Tuttavia, per stimolare la sua fioritura  e rafforzare la sua immunità, sarà necessario aggiungere gelatina all’acqua di irrigazione.

Leggi anche: Come avere le lucciole in giardino? Il trucco dei garden center per attirarli in 2 minuti

Innaffia il giglio della pace

Perché innaffiare il tuo Spathiphyllum con la gelatina?

La gelatina è un ingrediente essenziale nella produzione di fertilizzanti fatti in casa perché fornisce alle piante l’azoto extra necessario per il loro sviluppo e crescita. Si tratta quindi di un prodotto semplice ed economico che rafforzerà il sistema immunitario del giglio della pace. Ecco come usarlo in questo caso:

  • Riscaldare l’equivalente di un bicchiere d’acqua e aggiungere un cucchiaio di gelatina. L’acqua non dovrebbe bollire;
  • Mescolare per unire bene;
  • Una volta che la soluzione si è raffreddata, aggiungi tre bicchieri di acqua di rubinetto;
  • Infine, innaffia la pianta con questa soluzione una volta al mese, soprattutto in primavera e in estate.

Grazie a questo accorgimento, il giglio della pace sarà più fiorito e fiorirà abbondantemente dopo pochi giorni.

Leggi anche: Quali sono i benefici della mela?