Per un succo detox, una tisana o per condire la vostra vellutata di zucca, lo zenzero è l’ingrediente in più che farà la differenza. Non è quindi un caso che gli appassionati di questo rizoma desiderino averlo tutto l’anno. Per trasformare questo desiderio in realtà, ecco il trucchetto che vi permetterà di avere uno zenzero infinito, da un semplice vaso di fiori.

Apparso in Francia intorno al XIII secolo, lo zenzero è apprezzato soprattutto per le sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, la sua capacità di abbassare la glicemia e rafforzare le difese naturali. In quanto può essere utilizzato anche come base per la preparazione di un dolce, il condimento di un piatto o una zuppa apportando un tocco di freschezza e vivacità.

Come smaltire all’infinito lo zenzero da un vaso di fiori?

Zenzero fatto in casa

Piuttosto che setacciare i negozi alla ricerca dello zenzero per insaporire le tue marinate di carne , pollame, stufati o tisane, perché non considerare di coltivarlo comodamente a casa da un semplice vaso di fiori senza problemi?

Leggi anche: Come usare lo zenzero per fermare la caduta dei capelli e farli ricrescere?

Essendo questa pianta tropicale originaria del sud-est asiatico, è necessario, se si desidera coltivarla in Francia, offrirle condizioni favorevoli.

Essendo lo zenzero una pianta che apprezza particolarmente il caldo, è importante fare in modo che la temperatura non scenda sotto i 20 gradi.

Prendi un vaso di fiori piuttosto grande. Lo zenzero cresce principalmente in larghezza, quindi non è necessario optare per un vaso profondo e assicurarsi che la distanza tra ciascuna delle radici superi i venti centimetri. Invece di piantare semi, avrai bisogno di un rizoma di zenzero. Dovrebbe essere sodo e piuttosto verde chiaro.

Usando un coltello pulito, taglia il rizoma in più pezzi di circa 3 centimetri. Lo zenzero dovrebbe essere asciutto e pulito prima di piantare. Se invece è umido, lascialo riposare per 48 ore per evitare che marcisca.

Trascorso questo tempo, puoi piantare i tuoi pezzetti di zenzero in un terreno poco profondo ma fertile. Ricopri poi il tutto con uno strato di substrato di circa 5 centimetri e non esitare ad annaffiare abbondantemente.

Come ti prendi cura dello zenzero coltivato in casa?

Zenzero

Piantare lo zenzero in casa  può sembrare semplice, ma la cosa più importante è sapere come prendersene cura. Questa pianta apprezza particolarmente il caldo, bisognerà fare attenzione che sia esposta quotidianamente al sole. Posiziona il vaso sul davanzale di una finestra o vicino a un termosifone per consentire alla pianta di assorbire il calore.

Come la maggior parte delle radici e delle piante, lo zenzero necessita di annaffiature regolari. È imperativo che il substrato rimanga umido. Ma inumidire non significa annegare. Se non vuoi che lo zenzero marcisca troppo in fretta, annaffialo moderatamente.

Leggi anche:  Come far crescere i capelli con lo zenzero? 5 trucchi che funzionano

Se sei un fan dei gesti eco-responsabili e fai il compostaggio dei tuoi rifiuti organici, il vermicomposting può essere utile quando coltivi lo zenzero. Lo zenzero piantato all’inizio della primavera può beneficiare dei benefici del vermicomposting verso la fine di giugno. In estate, il tuo vaso sarà al suo posto sul davanzale della tua finestra o nel tuo giardino. La luce solare diretta è ancora da evitare in quanto potrebbe bruciare lo zenzero. Puoi iniziare a goderti quest’ultimo e le sue vitamine da ottobre incorporandolo in un succo di ananas o infuso di timo e limone per beneficiare delle sue proprietà antiossidanti, medicinali e stimolanti che favoriscono la digestione e combattono il gonfiore.

Per insaporire i tuoi piatti e realizzare preparazioni culinarie, è importante arricchire le tue ricette con piante aromatiche fresche e altre varietà come lo zenzero. Con questa tecnica e un po’ di ingegno, puoi coltivare lo zenzero tutto l’anno.

Leggi anche: Il tè allo zenzero scioglie i calcoli renali, pulisce il fegato, riduce i dolori articolari e altro ancora