L’albero di giada è una pianta succulenta dal fogliame sempreverde, originaria del Sud Africa. Questa pianta è particolarmente adatta alle persone che non hanno il pollice verde. La sua coltivazione è infatti facile, perché l’albero di Giada non necessita di molte annaffiature e la sua durata di vita si estende per diversi anni. Scopri come riprodurre l’albero di giada da una foglia.

L’albero di giada o crassula ovata è una pianta succulenta e di facile manutenzione che viene coltivata in vaso, come pianta da interno. Questa pianta della famiglia delle Crassulaceae è anche soprannominata l’albero della fortuna, o l’albero dell’amicizia.

Legenda: albero di giada.  fonte: sp

Come riprodurre l’albero di giada da una foglia?

La riproduzione dell’albero di giada avviene per talea. Questa tecnica consiste nel prelevare un frammento di pianta madre che viene trapiantato in un vaso o nel terreno per avere una nuova pianta.

L’albero di giada può essere propagato per talea di foglie o steli.

  • Talee di foglie
Legenda: ritagli di foglie.  fonte: sp

Passo 1 :

Prendete le foglie della pianta madre, tagliatele alla base con un coltello affilato e pulitele con un panno pulito. Quindi lasciarli asciugare all’aria per consentire loro di guarire  ed evitare che marciscano.

2° passo:

Scegliete dei piccoli vasi di terracotta e riempiteli con terriccio fino a 2 cm dai bordi. Usa un substrato speciale per le piante grasse o creane uno tuo mescolando perlite, sabbia e compost. L’aggiunta di sabbia è importante  perché favorisce  il drenaggio del terreno .

Passaggio 3:

Pratica dei piccoli fori nel substrato e posiziona una foglia in ogni foro. Separare le foglie in modo che non si tocchino.

Passaggio 4:

Le talee non hanno bisogno di essere annaffiate. Basta spruzzarli con un po’ d’acqua ogni 3 o 4 giorni.

Passaggio 5:

Conserva i tuoi vasi in un luogo luminoso, per un’esposizione a mezz’ombra. Noterai dopo qualche settimana la comparsa di nuove foglie dalla base delle tue talee. A questo punto rinvasare i nuovi germogli a gruppi di tre, in un vaso sufficientemente capiente.

  • Talee di stelo
Talee di stelo.  fonte: sp

Passo 1 :

Usando le cesoie da potatura, prendi un gambo spesso con foglie robuste e lascialo asciugare per favorire la guarigione.

2° passo:

Versare un po’ di cannella su un piatto e avvolgere il gambo in questa spezia. Ciò ne favorisce il radicamento. La cannella agisce effettivamente  come un ormone radicante naturale.  Questo passaggio è facoltativo, poiché l’albero di giada può essere prelevato da talee senza l’utilizzo di ormoni.

Passaggio 3:

Come per le talee di foglie,  scegliete un vaso di terracotta  e riempitelo con apposito terriccio per piante grasse.

Passaggio 4:

Fai un buco nel terriccio e piantaci dentro lo stelo. Il tuo ormone tagliente, naturale o artificiale, deve essere coperto. Chiudere il foro che circonda il fusto, senza compattare troppo il terreno  per non ridurre il drenaggio.

Passaggio 5:

Conserva il vaso in una stanza luminosa, ma senza esporlo alla luce solare diretta per non bruciarne le foglie. Noterai una nuova crescita nella parte superiore dello stelo dopo 3 o 4 settimane. Ciò significa che  il radicamento del tuo taglio ha avuto successo.

Evita di innaffiare la talea mentre sta radicando, poiché ciò potrebbe farla marcire. Tieni presente che puoi rinvasare la tua pianta in un vaso più grande solo dopo che ha radicato.

Come mantenere l’albero di giada?

  • Irrigazione

L’albero di giada non richiede molta irrigazione. Le sue foglie molto spesse permettono di immagazzinare l’acqua  e quindi limitano le annaffiature. Inoltre tutte le piante succulente hanno tessuti carnosi ricchi di acqua. Hanno quindi la capacità di trattenere l’acqua e possono quindi  sopravvivere in climi aridi o terreni asciutti.

Dopo il rinvaso delle nuove foglie è sufficiente un’annaffiatura mensile. Non bagnare il fogliame durante l’irrigazione ed eliminare l’acqua stagnante dal sottovaso  per  evitare marciumi radicali.

  • Esposizione

L’albero di giada ha bisogno di luce e sole, ma l’esposizione al pieno sole per tutto il giorno rischia di bruciarlo. Scegli un’esposizione a mezz’ombra.

  • Rinvaso

Non è necessario cambiare il vaso del tuo albero di giada, purché non lo innaffi troppo e non sia angusto. D’altra parte, è importante cambiare il terriccio dopo 2 anni per  dare alla tua pianta un supporto più asciutto e fresco.

  • Fertilizzante

Scegli un fertilizzante azotato per fertilizzare il tuo albero e favorirne la fioritura. Crassula produce piccoli fiori bianchi o rosa all’inizio della primavera.

  • Parassiti

I parassiti che l’albero di giada teme sono le cocciniglie. Questi parassiti devastano la crassula, soprattutto quando le annaffiature sono eccessive. Se c’è un’infestazione , pulire le foglie con un batuffolo di cotone imbevuto  di alcol denaturato.

Con semplici foglie o uno stelo dell’albero di giada potrai propagare questa pianta per conservarla tutto il tempo che desideri.