Senza tempo e senza tempo, i jeans sono un punto fermo nel guardaroba di tutti. E per una buona ragione, dato che è multiuso, puoi indossarlo giorno e notte. Sta bene sia con le décolleté che con le sneakers. Come bonus, può essere associato a una bellissima tavolozza di colori e combinato con tutti i tipi di accessori. Sicuramente hai una vasta gamma di capi in denim nel tuo armadio. Ma tutti abbiamo i nostri jeans preferiti che ci piacciono particolarmente. Quella che indossiamo in estate e in inverno, quella che ci rassicura, che si adatta perfettamente alla nostra morfologia e che vuole essere tanto comoda. Purtroppo, anche se occupa un posto privilegiato nel nostro guardaroba, ammettiamo che gli diamo filo da torcere. A forza di usura e lavaggi intensi, ha perso il suo fascino unico. Tuttavia, vale la pena prendersi cura dei nostri jeans preferiti per garantirne la longevità. Fortunatamente, ci sono alcuni trucchi per mantenerlo come nuovo!

L’errore più comune che danneggia il denim e gli fa perdere tutto il suo splendore non è altro che l’eccessiva frequenza di lavaggio. Inoltre, questo punto ha scatenato una serie di polemiche: alcuni insistono sul fatto che sia fondamentale lavare regolarmente i jeans, altri invece propendono per una pulizia saltuaria. Altri ancora credono che non dovrebbe quasi mai essere lavato. Difficile finire con tutte queste recensioni contrastanti. Quindi quale sarebbe la via di mezzo? Come prenderti cura efficacemente dei tuoi jeans, mantenendoli puliti senza intaccarne la durata? Ecco le cose giuste da fare.

Come mantenere i jeans come nuovi per anni?

jeans

In origine, i jeans facevano parte dell’abbigliamento  indossato dai minatori e allevatori americani alla ricerca di un materiale economico, comodo e resistente. Oggi si è diffuso e democratizzato, essendo tra i capi must have del nostro guardaroba. Accessoriati con stile, i jeans sono ormai un must per valorizzare tutti i nostri look, dal più classico al più trendy. Ma per goderti più a lungo il tuo paio di jeans preferito, è importante sapere come prendersene cura.

Leggi anche: Il trucco geniale per conservare il coriandolo fresco fino a un mese in frigorifero

Per prima cosa è fondamentale conoscere meglio i materiali di questi pantaloni . Assicurati che l’etichetta indichi una percentuale molto bassa di lycra o spandex, preferibilmente inferiore all’1%. In questo modo, saprai che i tuoi jeans non si danneggiano facilmente in aree come le ginocchia. È anche importante non lavare i jeans molto spesso. Se li indossi tutti i giorni, ci sono alcuni consigli utili per mantenerli belli più a lungo.

Qual è la frequenza migliore per lavare i jeans?

Per prima cosa devi sapere che il denim è un materiale speciale e molto resistente. Non si sporca allo stesso modo di altri tessuti fragili e vulnerabili. Tuttavia, come qualsiasi indumento, i jeans non sono immuni da batteri e microbi dovuti allo sporco. Poiché siamo abituati a indossarlo spesso, in ogni tipo di circostanza, inevitabilmente accumulerà residui, tracce di sudore, cellule morte della pelle, ecc. Tuttavia, il suo tessuto ha il vantaggio di non assorbire facilmente gli odori sgradevoli. Idealmente, gli specialisti consigliano di distanziarlo in lavatrice dopo 5 o 6 utilizzi. Affinché non sbiadisca e il suo tessuto non si appanni, sarebbe ancora più consigliabile lavarlo a mano.

Come lavare correttamente i tuoi jeans preferiti?

lavare i jeans

Per cominciare, l’ideale sarebbe bagnare bene i jeans prima di metterli in lavatrice .  Prestare attenzione alle istruzioni per la cura sull’etichetta. In genere è più consigliato il lavaggio a mano e in acqua fredda: ma siccome non sempre abbiamo la possibilità di farlo, è poi necessario prendere alcuni accorgimenti in lavatrice. Assicurati di utilizzare un ciclo di lavaggio a freddo o delicato per non alterare il colore dei pantaloni. Si consiglia inoltre di capovolgerlo per evitare qualsiasi rischio. Allo stesso modo, se noti una grossa macchia nei tuoi jeans, non provare a strofinare solo quest’area per non lavarla via e promuovere una traccia visibile. La cosa migliore è lavare tutti i pantaloni.

Fai attenzione, l’asciugatura non deve essere brutale, altrimenti rischi sia lo scolorimento che il restringimento. Quindi non strizzarlo con forza, ma piuttosto mettilo tra due asciugamani per assorbire l’acqua in eccesso. È severamente sconsigliato l’uso dell’asciugatrice o del ferro da stiro, poiché danneggiano il tessuto. Asciuga sempre all’aria i tuoi jeans!

Tuttavia, poiché il tempo non sempre ci consente di seguire queste procedure, puoi preservare più a lungo il colore dei tuoi jeans usando dell’aceto bianco nell’acqua in cui metti a bagno i tuoi jeans. Questo potente ingrediente lo deodorizzerà perfettamente e allo stesso tempo rimuoverà le macchie.

Inoltre, per evitare di alterarne l’aspetto, assicurati di ripiegarlo bene su una superficie piana e dura. Questo è ciò che ti permetterà di riporlo correttamente in seguito senza la formazione di antiestetiche pieghe. Dovrebbe anche essere conservato in uno spazio ventilato, abbastanza lontano da altri indumenti, in modo che le fibre del denim possano respirare bene.

Leggi anche: Perché lo champagne non va più conservato in frigorifero?

NOTA:  come lavare correttamente i jeans a mano? Lascialo in ammollo in una vasca o in un secchio d’acqua per 30 minuti. L’ideale sarebbe usare acqua fredda o acqua a temperatura ambiente.

Avvertimento

Perché non lavare i jeans troppo spesso? Secondo gli specialisti, lavaggi ripetuti, soprattutto in lavatrice, sono dannosi a causa dell’uso di detergenti chimici che possono alterare il colore originale dei pantaloni. I jeans sbiaditi a volte hanno un effetto elegante, ma non è necessariamente per tutti i gusti. Tanto più che il detersivo può indebolire anche il denim che di solito è un materiale molto solido. A lungo andare, è quindi probabile che si strappi più facilmente.

Leggi anche: Il trucco per conservare il pane 3 volte più a lungo: risparmierai