Per favorire la crescita sana delle vostre piante e stimolarne la fioritura, è importante rispettare le loro condizioni di crescita e fornire loro le condizioni necessarie affinché possano prosperare. Alcune piante, infatti, sono particolarmente sensibili all’acqua dura utilizzata per l’irrigazione. Questo è particolarmente vero per le orchidee che non tollerano bene il calcare. Scopri cosa puoi aggiungere all’irrigazione delle tue orchidee per neutralizzare il calcare.

L’orchidea è una pianta perenne con fogliame sempreverde. Apprezzata per la sua fioritura colorata, questa pianta tropicale è facile da curare. È ideale per decorare i tuoi interni o illuminare la terrazza o il balcone. Per stimolarne la crescita e favorirne la fioritura, ecco cosa potete aggiungere all’acqua dura utilizzata per annaffiarla.

Cosa si può aggiungere all’acqua delle orchidee per favorire una crescita sana?

Orchidee in vaso - fonte: spm

La qualità dell’acqua è molto importante per le tue piante d’appartamento, in particolare per le orchidee. Se prendiamo l’esempio del genere phalaenopsis, chiamata anche orchidea farfalla,  questa pianta è molto sensibile.  Il calcare non è adatto a lui. Infatti,  oltre ad essere dannoso  per le tue orchidee, lascia antiestetici depositi biancastri sul fogliame della tua pianta. È per questo motivo che è consigliabile annaffiare le orchidee  con acqua di sorgente non calcarea,  possibilmente piovana. Se però non puoi raccogliere l’acqua piovana, esiste un’altra soluzione per annaffiare le tue piante con acqua filtrata, senza calcare. Il trucco sta nell’aggiungere una decina di gocce di succo di limone all’acqua dell’annaffiatura. Questo suggerimento aiuta  a neutralizzare il calcare presente nell’acqua dura del rubinetto.  Ciò consentirà alle tue orchidee di crescere e svilupparsi in modo sano.

Per stimolare la fioritura delle vostre orchidee potete anche aggiungere del fertilizzante liquido, diluito nell’acqua in cui annaffiate le vostre piante. Fate però attenzione  a non concimare eccessivamente le vostre orchidee  perché ciò potrebbe avere l’effetto opposto. Una fornitura di fertilizzante ogni tre o quattro annaffiature, soprattutto  durante il periodo di crescita vegetativa,  è considerata sufficiente per favorire la crescita e la fioritura delle vostre piante.

Come annaffiare con successo le orchidee?

Nebulizzazione del fogliame dell'orchidea - fonte: spm

L’orchidea è una pianta tropicale che apprezza l’umidità. Tuttavia, l’acqua in eccesso potrebbe soffocare le radici della pianta e farle marcire. Per questo motivo è consigliabile rinvasare l’orchidea in un vaso trasparente. Se l’aspetto del tuo vaso ti dà fastidio, puoi scegliere una fioriera adatta. Un vaso traslucido ti permetterà  di controllare regolarmente l’aspetto delle radici,  per sapere se la tua pianta ha bisogno di essere annaffiata o meno. Infatti, se il colore delle sue radici diventa grigio, significa  che la tua pianta è disidratata  e necessita di annaffiature. Prima di annaffiare la tua orchidea,  controlla anche il substrato.  Se è asciutto, è ora di annaffiarlo. Un altro consiglio è  pesare la pentola.  Se è pesante significa che il substrato è già pieno d’acqua. Lasciarlo asciugare prima di annaffiare nuovamente.

Il modo migliore per innaffiare la tua orchidea è inzupparla. Questa tecnica consiste nell’immergere la pentola in una bacinella contenente acqua di sorgente o di rubinetto mescolata con qualche goccia di succo di limone per neutralizzare il calcare. Assicurati che  solo i tre quarti della pentola siano bagnati.  Lasciare riposare per 10 minuti, quindi togliere la pentola dalla bacinella  e lasciarla scolare.  In questo modo reidraterai la tua pianta senza danneggiarla. Infatti, innaffiare l’orchidea dall’alto o lasciare che le radici si bagnino nell’acqua  potrebbero favorirne la putrefazione  e far appassire la pianta. Tieni presente che è anche importante utilizzare  acqua a temperatura ambiente.  Quando l’acqua è fredda o ancora calda, potrebbe provocare uno shock termico alla tua pianta, danneggiandone l’apparato radicale.

Ricordati anche di nebulizzare l’orchidea di tanto in tanto. Per fare questo usate acqua non calcarea a temperatura ambiente e  tenete la vostra pianta lontana da correnti d’aria  e fonti di calore come il termosifone. In effetti, questa pianta tropicale non tollera un ambiente secco. Tieni presente che durante il periodo di fioritura della tua orchidea, dovresti spruzzare solo il fogliame,  non i fiori.

Per  far durare a lungo la tua orchidea , puoi rinvasarla ogni due o tre anni. Per fare questo, scegli un terreno speciale per orchidee. Questo consiste, tra le altre cose, in una miscela di fibre di cocco, carbone, pacciame di corteccia e palline di argilla. Questo substrato aiuta  a favorire il drenaggio  e garantisce l’aerazione e i nutrienti necessari alla tua pianta.

Aggiungendo semplicemente qualche goccia di succo di limone all’acqua dura utilizzata per annaffiare le orchidee, neutralizzerai il calcare e favorirai una crescita sana delle tue piante.

L’aceto bianco è dannoso per le piante?

Anche se può liberare il giardino e le piante dalle erbacce, l’aceto bianco non è selettivo; l’acido acetico in esso contenuto può essere fatale per molte piante. Questo perché quando viene introdotto nel terreno riduce notevolmente il livello del pH e ostacola la crescita delle piante.