Se c’è qualcosa che gli amanti delle piante apprezzano, è avere una specie in casa…

Se c’è qualcosa che gli amanti  delle piante  apprezzano, è avere in casa una specie che non richiede molte attenzioni, ma che è bella e ha sempre un aspetto incredibile; è il caso della pianta ragno, nastro, legame d’amore o malamadre, come è conosciuta in vari luoghi .

Questa pianta erbacea perenne appartiene alla famiglia delle Asparagaceae , ed è del genere Chlorophytum ; È originario dell’Africa meridionale, motivo per cui è noto per essere una specie resistente che può tollerare bene i cambiamenti climatici.

L’arco dell’amore ha lunghi steli biancastri che sono adornati da piccoli fiori bianchi , oltre a ciuffi di foglie che possono servire in seguito come talee per moltiplicare questa specie in varie parti della casa.

come prendersi cura di un vaso di legame d'amore

Secondo gli esperti sono note almeno 25 specie della pianta ragno ; All’interno della cura specifica che richiede è la luce solare diretta, tuttavia, nei periodi di caldo estremo, è preferibile il sole.

Come mantenere sempre bella la tua pianta ragno?

Nel caso dell’inverno, il legame d’amore si caratterizza per aver bisogno di temperature che non scendano sotto i 14 gradi centigradi , meglio avere ambienti arieggiati con poco spiffero; quindi è perfetto per averlo come pezzo decorativo o compagno in casa.

Si chiama “ragno” perché quando comincia a presentare i boccioli sotto forma di fiori bianchi, questi pendono e diventano “piccoli” ; che gli conferisce questo aspetto verde ragno con molte foglie bianche e verdi.

come prendersi cura di un legame d'amore passo dopo passo

Se avete questa pianta in casa non dovete mai allagare il suo contenitore in quanto può disseccare , è preferibile annaffiare almeno ogni due volte a settimana; Le nebulizzazioni periodiche per lui sono molto positive.

Per quanto riguarda le potature, non bisogna farne nessuna dato che seccano facilmente , ma bisogna eliminarle in modo che non diventino fonti di infezione per la pianta.

È fondamentale che durante la primavera e l’estate si fertilizzi almeno ogni due settimane e in inverno lo si faccia almeno una volta al mese per mantenerlo fresco e verde.