Quando ami i gatti, ti senti fortunato ad averne uno o due in casa. Se sai come domare questi felini, proverai la vera felicità ogni giorno. Ma attenzione, il gatto è un animale domestico che richiede tempo e necessita di cure particolari. Che dire, ad esempio, della sua lettiera? È ben posizionato e sempre pulito? Altrimenti il ​​tuo piccolo compagno finirà presto per abbandonarlo! Inoltre, molti proprietari non hanno ancora i riflessi giusti. Sapevate in particolare che i rifiuti devono essere differenziati prima di essere gettati via e che possono anche essere riciclati? Vi illuminiamo sull’argomento.

Dove posizionare la lettiera per gatti?

Un gatto in una lettiera

No, la lettiera del tuo gatto non va ovunque! È importante scegliere una posizione strategica, una zona tranquilla della casa, dove c’è poco traffico e dove il vostro piccolo felino potrà raggiungerlo comodamente a qualsiasi ora.

Ecco gli errori da non commettere:

  • Evita di posizionare la lettiera vicino ad apparecchi rumorosi che potrebbero disturbare il tuo gatto e scoraggiarlo dal fare i suoi bisogni lì.
  • Allo stesso modo, non considerare di posizionare la lettiera  davanti a porte finestre o porte in vetro, poiché il movimento all’esterno potrebbe spaventare notevolmente il tuo animale domestico e farlo scappare.
  • Inoltre, non si tratta di posizionare la lettiera sul terrazzo, nel garage, nel seminterrato o in qualsiasi armadio. L’idea è quella di trovare un luogo caldo, discreto, un po’ nascosto ma non troppo. E soprattutto, una volta installata, la lettiera non deve essere spostata! Infatti, il tuo gatto si abitua rapidamente a questo luogo e crea la propria routine. Il minimo cambiamento può fargli perdere l’orientamento e farlo urinare ovunque in casa!

Dove buttare la lettiera del tuo gatto?

Innanzitutto devi sapere che esistono diversi modelli di lettiere. Quelli che si trovano in commercio non sono tutti uguali e non sono necessariamente tutti da buttare. Ovviamente, come proprietario di un gatto, sai benissimo che la lettiera è parte integrante della sua igiene intima e che la sua igiene deve essere impeccabile. Idealmente, la frequenza corretta per  pulire la lettiera  è di circa una o due volte al giorno. È fondamentale mantenerlo sempre pulito, sia per preservare l’igiene del tuo gatto, sia per evitare tutti i cattivi odori che tendono a diffondersi per tutta la casa. Una volta cambiata la sabbia non ti resta che gettare quella sporca nell’apposito cestino.

Siamo d’accordo, è un compito doloroso e noioso, ma necessario. Tuttavia, non è consigliabile gettare i rifiuti direttamente nel cestino. Oltre ai cattivi odori, germi e batteri possono facilmente diffondersi nell’aria durante il processo. È quindi meglio riporre la lettiera usata nel sacchetto ad essa dedicato prima di buttarla. Come probabilmente saprai, ne esistono diversi modelli (silicone, argilla, bentonite, ecc.), anche se consigliamo vivamente di utilizzare lettiere biodegradabili. Attenzione ai rifiuti in silice, materiale non riciclabile e inquinante, che va messo in un sacchetto e gettato in un bidone della spazzatura asciutto.

Riciclo: cosa fare con i rifiuti usati?

È importante notare che puoi riutilizzare la maggior parte delle lettiere per gatti, ma non tutte le lettiere per gatti hanno sempre gli stessi usi. A meno che non siano biodegradabili e compostabili, alcuni materiali non sono adatti al compost e non possono nemmeno essere utilizzati come fertilizzante.

  • Riciclaggio della lettiera a base di argilla

La lettiera in argilla  può essere utilizzata in particolare in edilizia: quando pulisci il contenitore, invece di buttare via la sabbia, puoi riciclarla in diversi modi.

  • Puoi usarlo, ad esempio, per riparare alcune zone screpolate della casa. Basta mescolarlo con cemento e voilà! Ma attenzione, è sconsigliato utilizzare sabbia che contenga feci, potrebbe contenere parassiti pericolosi.
  • Vuoi sbarazzarti delle erbacce in giardino? Sebbene la sabbia a base di argilla non sia salutare per le piante, puoi riciclarla per eliminare eventuali erbacce che rovinano il paesaggio. Basta spargerne alcuni nelle aree in cui crescono queste erbacce. Ovviamente, ancora una volta, usate solo sabbia priva di escrementi o urina.
  • Altro utilizzo poco conosciuto: se la vostra auto ha una perdita d’olio, il trucco sta nell’utilizzare questo tipo di rifiuti per ripulire il danno. Basta versare la sabbia sulla perdita e questa farà il suo lavoro di assorbimento.
  • Non gettare i rifiuti a base di silice nella spazzatura

Scopri che le sabbie silicee non sono rispettose dell’ambiente. Tali rifiuti funzionano diversamente dall’agglomerazione. I suoi grani hanno piccole fessure che possono assorbire il liquido. Si tratta di piccoli pori capaci di assorbire il 40% del loro peso in acqua. Pur essendo diverso dall’argilla, anche questo materiale può essere riciclato per vari usi. Potete quindi utilizzare questa sabbia a base di silice anche per riparare un buco o riempire una crepa, mescolandola al cemento. Aiuterà anche a uccidere le erbacce, ma tienilo lontano dalle tue piante. Infine, essendo molto assorbente, la sabbia silicea ti aiuterà anche ad eliminare una possibile perdita di olio dell’auto.

La lettiera del mio gatto è compostabile?

Il compostaggio è l’atto di raccogliere la materia organica per trasformarla in fertilizzante. Questa è una pratica comune in termini di riciclaggio e giardinaggio sostenibile. Non c’è niente di più soddisfacente che dare una seconda vita ai rifiuti organici in modo che arricchiscano naturalmente il terreno e stimolino la crescita delle piante. Ma questo gesto eco-responsabile non dovrebbe essere preso alla leggera. Ci sono, ovviamente, delle precauzioni da prendere prima di compostare la lettiera della tua palla di pelo!

Tieni già presente che realizzare il compost richiede un certo tempo e molte conoscenze in materia. Se hai il minimo dubbio, rivolgiti a uno specialista del settore che ti guidi nel tuo approccio. Ti ricordiamo che è imperativo privilegiare i rifiuti vegetali e biodegradabili per il compost: come lino, grano, legno o cedro. Al contrario, la lettiera minerale (così come la sabbia a base di argilla e silice) non deve assolutamente essere messa nella compostiera.

Per informazioni

La sabbia contenente materia fecale non è consigliata come fertilizzante per il tuo giardino. Come accennato in precedenza, le feci dei gatti possono contenere germi tossici per l’uomo. Puoi cioè usarlo come compost solo nelle zone del giardino dove le piante non sono commestibili.