Sei appena tornato dalle tue vacanze estive per scoprire che la tua orchidea è in vera agonia? Cosa fare ? E’ possibile riaverla indietro? Come faccio a sapere se è morta? Dato che le orchidee sono piante particolarmente sensibili e capricciose, lunghi periodi senza annaffiature possono essere loro fatali. Ci sono, tuttavia, alcuni suggerimenti e trucchi che potrebbero essere molto utili per riportare in vita questa pianta sofisticata e gentile. I nostri esperti di giardinaggio spiegano come salvare un’orchidea dopo una lunga assenza. Seguici.

Come fai a sapere se un’orchidea è morta?

In effetti, la manutenzione di un’orchidea non è così complicata, soprattutto quando si padroneggia l’irrigazione e la posizione. Ma, non importa quanta cura gli dai, la tua assenza più lunga, in particolare la mancanza di assunzione di acqua, influisce negativamente su di esso. Prima di intraprendere qualsiasi azione, è importante verificare innanzitutto se la tua orchidea è ancora viva e se può davvero essere salvata. Innanzitutto, esamina la corona della pianta, ad es. la parte che unisce le foglie alla base. Se le foglie diventano gialle, marroni o cadono, la tua orchidea è in vera agonia. In secondo luogo, se le radici sono diventate tutte marroni o secche o lo stelo principale ha perso il suo bel colore verde, la tua pianta ha pochissime possibilità di sopravvivere.

Tuttavia, è fondamentale notare che le orchidee sono piene di sorprese. Quindi non scoraggiarti e prestagli le cure necessarie per farlo ripartire. Decrittazione nei paragrafi seguenti.

Come salvare un’orchidea dopo le vacanze?

Quando torni dalle vacanze, ti accorgi che la tua orchidea sta morendo e si è seccata per mancanza di annaffiature. Niente panico ! Se non mostra nessuno dei suddetti segni, c’è ancora speranza. La prima cosa da fare è trovare la fonte del problema. Questo può manifestarsi a livello delle radici o delle foglie. Per quanto riguarda le radici, alcune possono essere morbide, marroni o mostrare marciume. Tagliali usando un potatore ben affilato e disinfettato. Le foglie della pianta sarebbero probabilmente gialle e appassite, o addirittura annerite, il che di solito è dovuto alla mancanza di annaffiature. Successivamente, immergi la tua orchidea in acqua per 15-20 minuti per idratarla bene.

Per salvare l’orchidea dopo le vacanze estive e darle una vera spinta, anche la fertilizzazione è un must. Tuttavia, alcuni esperti mettono in guardia dall’uso del fertilizzante quando la pianta è molto fragile, poiché questo può danneggiare ulteriormente le radici. Tuttavia, è possibile praticare questo passaggio essenziale quando la pianta si è un po’ ripresa. In questo contesto, è meglio utilizzare fertilizzanti naturali per orchidee ed evitare sostanze chimiche nocive.

come far rifiorire un'orchidea passi da seguire consigli trucchi

Come innaffiare un’orchidea quando sei via per evitare di salvarla in seguito?

Ci sono molti metodi per innaffiare le piante mentre sei via , ma ce n’è uno che è più adatto per l’orchidea. Questi includono il gel per l’irrigazione che è disponibile nei centri di giardinaggio e costa quasi 5 euro a sacchetto. Puoi farlo da solo, è semplice e veloce e può irrigare gradualmente la pianta fino a 30 giorni. Per sapere come fare, fai clic sul link rosa in alto. Per usarlo, niente potrebbe essere più semplice. Prima di partire, idrata la tua pianta come al solito e poi lascia cadere un gel sul substrato. Comincerà a scorrere a poco a poco e nutrire l’orchidea a seconda del calore.

Come far rifiorire un’orchidea?

Sei riuscito a far ripartire la tua orchidea, ma è comunque priva di fiori? Come faccio a farlo rifiorire? Per prima cosa, pota tagliando i gambi fino al germoglio più vicino. Questo taglio incoraggerà la produzione di un altro peduncolo nei mesi successivi. Quindi procedi ad annaffiare correttamente l’orchidea evitando l’acqua in eccesso senza lasciare che la pianta si sieda nell’acqua. Posiziona poi la pianta in un luogo caldo e luminoso, ma lontano dalla luce diretta. La posizione ideale sarebbe vicino a una finestra rivolta a est oa ovest. L’orchidea gradisce anche l’umidità ed è possibile metterla su un vassoio di sassolini umidi.