La cannella è una pianta commestibile utilizzata principalmente in cucina per esaltare il gusto delle pietanze. Questa pianta perenne ha però altre proprietà insospettate. È davvero molto utile per le piante. Puoi usarlo per le tue piante da giardino o per piante coltivate in casa. Detto questo, impara a usare la cannella per tenere gli insetti e la muffa lontani dalle tue piante d’appartamento.

Come usare la cannella per proteggere le piante d’appartamento da insetti e muffe?

Cannella

La cannella è molto utile per le piante da interno e da giardino e per una buona ragione  ha proprietà antibatteriche, antimicotiche e insetticide.  Questa spezia può essere utilizzata per proteggere le tue piante da funghi e malattie fungine,  ma anche da insetti che le devastano  come moscerini, formiche, mosche bianche e acari. In effetti, il forte odore di questa pianta è molto efficace nel respingere parassiti e parassiti. Per farlo basta cospargere di cannella il terreno della pianta  per evitare lo sviluppo di muffe  e prevenire gli attacchi dei parassiti.

piante d'appartamento

Come usare la cannella in giardino?

La cannella ha diversi vantaggi per le tue piante da giardino.

  • Cannella per prevenire le malattie fungine

Per avere piante sane, considera l’uso della cannella nel tuo giardino. Questa spezia può essere utilizzata pura,  per prevenire le malattie crittogamiche.  Per farlo basta cospargere un po’ di polvere di cannella  alla base delle piante sensibili alla muffa,  alla ruggine o all’oidio.

  • Cannella per proteggere le piantine dalla muffa

A causa dell’umidità, le spore della muffa possono attaccare le piantine. L’azione fungicida della cannella entra in gioco per proteggerli e facilitarne la crescita. Per questo, mescolare in una ciotola mezzo litro d’acqua, due cucchiai di cannella e una compressa di aspirina. Lascia riposare per una notte, quindi immergi le talee in questa soluzione. L’aspirina stimola la crescita delle radici e la cannella protegge da muffe e funghi.

  • Cannella per evitare lo smorzamento

Lo smorzamento è una malattia crittogamica che colpisce semi e piantine impedendone la crescita,  o causando la morte delle giovani piantine.  Per combattere questa malattia, niente di meglio della cannella. Per fare questo, basta cospargere questa spezia sul terreno,  subito dopo aver seminato i semi.  Rinnovare l’operazione dopo la comparsa delle giovani piantine per mantenerle in vita.

Piante da fiore coltivate all'aperto

  • Cannella per curare le piante

La cannella può anche essere usata  per disinfettare e guarire le ferite da taglio  delle piante  . Dopo aver potato le tue piante,  puoi utilizzare la cannella per cicatrizzare le ferite,  per prevenire lo sviluppo di malattie crittogamiche  causate da funghi. Per questo, cospargere un po’ di cannella direttamente sulla parte tagliata della pianta.

  • Cannella per tenere lontani i parassiti delle piante

Per tenere lontane le formiche dalle vostre piante, senza usare un insetticida, potete cospargere di cannella sui sentieri delle formiche. Puoi anche usare la cannella  per tenere i gatti lontani dalle tue piante vegetali. In effetti, a questi felini non piace l’odore di questa spezia. Per fare questo, pianta bastoncini di cannella nel terreno.

  • Cannella come ormone radicante

La talea è un modo di moltiplicare determinate piante e che consiste nel prelevare un frammento di pianta dalla pianta madre, per piantarla  e far nascere una nuova pianta.  Questa parte della pianta che si stacca si chiama talea. Detto questo, è consigliabile applicare alle talee un ormone radicante,  in modo da favorirne la cicatrizzazione,  ma anche la radicazione. L’ormone radicante serve anche  a proteggere le talee dalla decomposizione.  Per questo, puoi usare la cannella che agisce come un ormone radicante naturale. Basta immergere le talee nella cannella  prima di infilarle nel terreno.

Grazie alla cannella, proteggerai le tue piante d’appartamento da insetti e muffe che ne devastano il fogliame. Questa spezia è anche benefica per le tue piante da giardino. Può infatti proteggerli dai parassiti, ma anche dalle malattie crittogamiche.