Prima di iniziare a concimare, è necessario preparare il fertilizzante. Prima di tutto, è necessario far bollire bene le uova in modo che i loro gusci si separino facilmente dall’albume.

Potete usare anche i gusci delle uova crude, ma in questo caso dovete lavarle molto bene e asciugarle prima di aggiungerle al substrato nei vasi. In caso contrario, i resti dei bianchi all’interno delle bucce inizieranno a marcire e potrebbero danneggiare le piante.

Il più semplice è mescolare i gusci con il substrato in una sola volta, dopo aver precedentemente rimosso il suo strato superiore. Va notato che otterrai un effetto significativo, se asciughi e macini i gusci d’uovo in anticipo allo stato di farina. Puoi farlo con l’aiuto di un macinacaffè o di un normale mortaio e pestello. Questa procedura viene eseguita una volta ogni 3-4 mesi.

Ma c’è un’altra variante di fertilizzante, più efficace. Consiste nella preparazione di un infuso a base di farina di gusci d’uovo.

Per preparare l’infuso occorrono 1 litro di acqua calda e 200 g di farina dai gusci d’uovo. Basta unire questi 2 ingredienti in un barattolo di vetro e coprire la soluzione ottenuta con un coperchio ermetico, dopodiché metterla in un luogo buio per 12-14 giorni. Inoltre, la soluzione deve essere agitata regolarmente (una volta al giorno durante queste 2 settimane).

Le piante devono essere annaffiate con l’infuso ottenuto 1-2 volte in 3 mesi.

Va inoltre ricordato che questo fertilizzante non è adatto per azalee, gerani e camelie. Queste piante si sviluppano meglio in substrato alcalino o neutro: pertanto, l’acidificazione del terreno con gusci d’uovo sarà solo dannosa per loro.

Buon giardinaggio!