L’uovo è un alimento base e universale che utilizziamo in molteplici ricette culinarie, ma ha anche una piccola controindicazione. L’uovo ei suoi derivati ​​producono il maggior numero di salmonella, una serie di bacilli che secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è una delle principali cause dei disturbi digestivi, in particolare della diarrea.

Per evitare problemi di salute, devi fare attenzione quando maneggi le uova.

Rompi un uovo sul bordo di una ciotola

Perché una certa manipolazione dell’uovo può essere pericolosa?

L’uovo è l’alimento versatile per eccellenza ed è ricco di benefici, ma quando lo maneggiamo male può essere pericoloso.

Leggi anche: Come evitare che le uova si rompano durante la cottura?

La salmonellosi è un’infezione causata da cibo avariato, solitamente contaminato da feci. I bambini e gli anziani sono i più vulnerabili, in quanto causano disidratazione che può avere gravi complicazioni. Ecco perché conoscere il modo migliore per rompere un uovo è così importante.

Pertanto, per evitare l’infezione da salmonellosi, una misura preventiva è cuocere a fondo gli alimenti a base di uova, mangiarli immediatamente o tenerli in frigorifero fino al momento del consumo.

Cosa dovresti evitare di fare con un uovo quando lo maneggi?

Considerando queste malattie, vogliamo mostrarvi alcune raccomandazioni per evitarle in casa a causa del consumo o della manipolazione delle uova. Ecco qui alcuni di loro:

  • Non rompere le uova sul bordo di un piatto, padella o scodella, poiché la salmonella potrebbe essere presente nel guscio e finire per contaminare il piatto come indicato da Didier Desert, chef dell’Ambasciata dell’Alvernia e membro dell’Associazione francese dei maestri Restauratori. Inoltre, l’interno dell’uovo può essere contaminato dall’esterno del guscio.
  • Non lavare le uova prima di metterle in frigorifero.
  • Assicurati di acquistare uova con il guscio pulito e intatto.
  • Non usare mai il guscio d’uovo per separare i tuorli dagli albumi.
  • Lascia cuocere bene i cibi a base di uova. Ad esempio, cagliare completamente le tortillas, soprattutto in estate, o conservarle in frigorifero fino a quando non sei pronto per mangiarle.
  • Guarda la data di scadenza delle uova che appare sia sulla confezione che sulle uova stesse e non mangiarle dopo quella data.

Se ti piace la tua frittata liquida, ti consigliamo di utilizzare uova pastorizzate. È anche conveniente conservare gli alimenti a base di uova crude in frigorifero fino al consumo, come aioli, tiramisù, frullati di uova crude, ecc.

Rompi le uova a metà

Come rompere le uova prima di prepararle?

Una delle prime ricette che probabilmente hai imparato a cucinare è stata un uovo fritto o una frittata francese, giusto? O anche uova strapazzate a colazione, ma sappi che hai sbagliato a rompere il guscio.

Per evitare di continuare a commettere questo errore, ti diremo il modo giusto per rompere le uova, quell’alimento che usi spesso in cucina. E sono migliaia le ricette, sia dolci che salate, che includono le uova nella loro preparazione.

Rompere un uovo oltre il bordo della padella potrebbe rompere il guscio in pezzi molto piccoli ed entrare in contatto con l’interno. Ciò causerebbe la rottura del tuorlo o, peggio ancora, potrebbe contaminare l’uovo con batteri provenienti dall’esterno.

Affinché ciò non accada, l’ideale è rompere l’uovo piatto e aiutarti molto delicatamente con le dita ad aprire il guscio. In questo modo otterrai un risultato molto più pulito e il guscio non finirà per rompersi in piccoli pezzi.

Nei casi in cui si cucina prima un uovo e poi si toglie la pelle , ad esempio un uovo sodo, questo non sarà un problema.

Leggi anche:Una maschera all’uovo e cetriolo per cancellare le rughe

Per farlo correttamente, quando arriva il momento di rompere l’uovo piatto, dargli un colpo deciso e sicuro sul bancone e poi aiutarsi con le dita per finire di rompere la membrana dell’uovo. Scoprirai che farlo più volte sarà più facile che romperli oltre il bordo della pentola o della padella.

Modestia con le uova e la loro manipolazione!

Leggi anche:Come riconoscere le uova di una gallina sana?