Quando si parla di cura del giardino, uno dei consigli sia per il prato…

Quando si parla di cura del giardino, una delle raccomandazioni sia per il prato che per le  piante è quella di rimuovere quelle formazioni che possono essere considerate negative; Adesso però vi diremo qual è l’erba “cattiva” che non dovreste tagliare dal vostro giardino, ve ne daremo i motivi.

Uno dei motivi per cui dovresti estirpare l’erba è perché assorbe dal substrato le sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno, per questo è consigliabile potare tutte quelle zone che potrebbero risentirne. Tuttavia, non tutti sono così cattivi come sembrano.

Alcuni la considerano una “erbaccia”, mentre altri ritengono che qualsiasi crescita tra i vasi o sopra di essi debba essere rimossa per non pregiudicare lo sviluppo delle tue piantine. Ma ce n’è uno che dovresti lasciare ed è la portulaca.

Che tu ci creda o no, anche questo ortaggio cresce spontaneamente con il movimento dei semi, la pioggia e il costante movimento delle spore che vengono trasportate dal vento. La cosa migliore è che se sai come differenziarlo, potresti avere un giardino molto più completo.

Come differenziarlo? Ha la capacità di sollevarsi dal terreno, ha grandi foglie che simulano quelle di una succulenta. La sua linfa è trasparente e il suo gambo è rossastro, quindi si può distinguere da quelli tossici o negativi, che hanno la linfa biancastra.

Cosa puoi fare con questa erba? Puoi usarli nelle tue insalate, stufati e per dare un sapore completamente diverso alla carne rossa. Inoltre, sono un’ottima fonte di energia.

Quali benefici ti dà la portulaca, l’erba “cattiva” che non dovresti tagliare?

“La portulaca è una pianta che fornisce una buona quantità di vitamine, oltre ad essere indicata come la più alta fonte di acidi grassi omega-3 nell’intero regno vegetale. In Messico, nel 2019, sono state prodotte 5.474 tonnellate”, ha affermato il governo del Messico nel suo rapporto più recente.

Tra i benefici che ha è che è ricco di Omega-3, ha una buona quantità di vitamina A, B e C. Oltre a fornire calcio, ferro, potassio e magnesio; Ottimo anche contro la stitichezza e le infiammazioni delle vie urinarie.

È una pianta erbacea che cresce dai 15 ai 50 centimetri di lunghezza, la sua consistenza è carnosa, morbida e succosa; ha un sapore aspro. «Si sviluppa in luoghi umidi come le sponde dei fiumi o lungo le strade; si estende facilmente coprendo molto spazio”, precisano.