Sapevi che le tue piante verdi, oltre a decorare i tuoi interni, aiutano a ripulire l’aria circostante, che è fino a 100 volte più inquinata dell’aria esterna? Ecco come sceglierli e prendersene cura. NB: Correggiamo qui l’articolo “Perché è fondamentale tenere un cactus in camera da letto?”, le cui informazioni si sono rivelate inaffidabili.

Perché una pianta è disinquinante?

Le piante verdi hanno proprietà interessanti per assorbire le sostanze volatili inquinanti (poi trattenute dalle foglie), ma anche per migliorare la qualità dell’aria rilasciando ossigeno. “Questo è ciò che chiamiamo fotosintesi, spiega Geneviève Chaudet. A differenza dell’uomo (che assorbe ossigeno e rilascia anidride carbonica), una pianta, con l’aiuto della luce e della clorofilla, assorbe anidride carbonica, intrappola il carbonio per costruire i suoi tessuti e rilascia ossigeno. Non è una soluzione miracolosa, avverte il nostro esperto, perché ci vorrebbero molte piante in una casa perché questo sia significativo. Ma aiuta davvero a migliorare la qualità dell’aria. »

Come mantenerli?

“La cosa migliore è osservare la pianta, consiglia il paesaggista. Se la pianta d’appartamento vegeta, è perché manca di luce. In questo caso, non esitare ad avvicinarlo alle tue finestre. Per conoscere la quantità d’acqua che gli si addice, ricordarsi di toccare il suo substrato. L’applicazione di troppa acqua o troppo regolarmente può far marcire l’apparato radicale della pianta. Al contrario, non fornire abbastanza acqua ad una pianta che ne ha enormemente bisogno rischia di farla morire di sete. »

Dracena profumata

Dracaena fragrans, per mobili in legno

Ideale in ambienti contenenti mobili in truciolare, Dracaena fragrans ha il potere di assorbire formaldeide (sostanza con effetti irritanti) e xileni (derivati ​​del petrolio, usati in particolare come solventi in vernici e pitture). Chiamato anche l’albero del drago profumato, le sue foglie sono verdi con strisce beige. Scegli un luogo temperato, non troppo caldo, inondato di luce moderata.

La palma di bambù o il syngonium produrranno effetti simili.

Anthurium, per prodotti per la pulizia

Posiziona l’anthurium nelle stanze dove conservi i tuoi prodotti per la casa, in particolare quelli contenenti ammoniaca, solventi, benzeni, xileni o stireni. Questa pianta, molto resistente all’interno, è soprattutto molto facile da mantenere. Ideale in cucina o in bagno, esponilo direttamente alla luce intensa.

Gli stessi effetti si osservano con felce, pothos, palma rapace, edera, ficus e azalea.

felce in vaso 

La felce assorbe l’umidità

La felce ha bisogno di un’elevata umidità e sarà felice nel tuo bagno, cucina o veranda, perché può assorbire tutta l’umidità di cui ha bisogno. Ama la luce intensa, ma non diretta, e le temperature tra i 10 ei 20°C. Assicurati che il suo terreno rimanga umido.

Gli effetti sono simili con pothos, gerbera, orchidee, spa-thiphylum e cactus.

I gesti giusti per pulire ancora di più

Si raccomanda di aerare i locali per 10 minuti ogni mattina, di fumare all’aperto, di utilizzare preferibilmente prodotti e materiali per la pulizia che rispettino l’ambiente (specificati sulle etichette e sulle confezioni), in particolare vernici prive di solventi. Ma anche per ridurre il consumo di buste di plastica (e conservarle in garage), per non surriscaldare gli ambienti e controllare l’impianto di climatizzazione.