L’ortensia, detta anche ortensia, è una pianta ornamentale che può essere coltivata anche in ambienti chiusi. Per far fiorire questa bellissima pianta, scopri i segreti per farla crescere e fiorire all’aperto. Sapevate che questo fiore aveva un significato speciale? Una cosa è certa: da subito capirai il messaggio di chi te lo propone!

Significato dell’Ortensia nel linguaggio dei fiori

Ortensie in giardino

Ogni fiore simboleggia un messaggio specifico, e quando si deve decidere se regalarne uno, è bene sapere quale è più adatto all’occasione. Nel linguaggio dei fiori l’ortensia rappresenta la nascita di un nuovo amore o il ritorno di un partner del passato. Vale anche la pena notare che il significato dell’ortensia cambia anche a seconda del colore scelto.

Il bianco, ad esempio, rappresenta la nascita dell’amore sincero. Regalare un’ortensia bianca dice all’altra persona che pensiamo profondamente a lei. Per trasmettere un messaggio di amore profondo, nonostante la natura capricciosa della persona amata, dovresti scegliere il colore blu. Se si vuole esprimere la propria fedeltà e invitare l’altro a godere delle gioie dell’amore, è bene optare per un mazzo di ortensie rosa.

Ortensia in crescita

Ortensia

Coltivare le ortensie è semplice perché non richiede cure particolari. Le annaffiature dovranno essere regolari ed abbondanti , soprattutto in estate. Nel caso in cui si voglia assistere ad una buona crescita ed ad una fioritura abbondante, si consiglia di tagliare i rami secchi nel periodo febbraio-marzo. Seguendo questi passaggi l’ortensia diventerà una pianta fertile che fiorirà in primavera.

Per prendersi cura dell’ortensia è importante che il terreno sia composto da un quarto di terra da giardino, un quarto di sabbia, un quarto di terra e il restante quarto di legno. Ricordiamo che questa pianta predilige un’esposizione moderata al sole, per questo motivo è consigliabile scegliere un luogo con un moderato irraggiamento solare, protetto da un muro e possibilmente orientato a Nordovest.

L’unico accorgimento per preservare la pianta riguarda le basse temperature. L’inverno, infatti, può essere fatale per l’ortensia che può appassire con l’arrivo delle basse temperature. Per questo motivo si consiglia di proteggerlo durante i mesi più freddi con paglia e tessuto.

Colori dei fiori di ortensia

Ortensia in vaso

Come accennato in precedenza, le ortensie Macrophylla,  possono presentarsi in diverse tonalità . I vari colori dipendono dalla composizione del terreno. Il pH del terreno e la quantità di alluminio in esso presente sono elementi fondamentali per definirne le sfumature. Così, le tonalità del blu, dell’azzurro e del viola corrispondono a un terreno acido, mentre con un pH neutro assistiamo piuttosto alla crescita di fiori con pigmenti rosa e rossi.

Per le ortensie bianche, invece, la situazione è diversa, poiché il loro colore non è legato al pH del terreno e mantengono o cambiano colore solo a seconda della luce. In condizioni di scarsa illuminazione possono diventare più verdi, mentre con un po’ di luce solare possono diventare rossi o rosa.

Concimare le ortensie

Il periodo migliore per concimare le ortensie è l’autunno. È bene però tenere presente che intorno a febbraio/marzo sarà necessario utilizzare un concime a lenta cessione per garantire una buona fioritura. È bene tenere in considerazione anche l’eventuale carenza di ferro di questi fiori e utilizzare chelati di ferro  che agiscono come trattamento preventivo che può far rinverdire le foglie .

Potare le ortensie

Potare le ortensie

La potatura delle ortensie è fondamentale per garantire una buona fioritura. Va inoltre tenuto presente che le ortensie fioriscono sempre sul ramo dell’anno precedente. Per questo motivo un ramo tagliato male potrebbe compromettere una buona fioritura.

Ricordatevi che questi fiori non vanno toccati e che dovrete quindi aspettare che secchino, raccogliendoli solo intorno a febbraio-marzo. Anche per la potatura è bene non scendere sotto i boccioli e iniziare dalla base del fiore.

La dimensione dei rami, invece, dipende dall’età della pianta. Se avete un’ortensia molto vecchia, bisognerà togliere i rami dalla base a circa un terzo dell’altezza in modo che il taglio riveli la parte interna del cespuglio. Per garantire una corretta potatura, si raccomanda che le cesoie siano affilate e pulite per evitare possibili infezioni.